Lug 032015
 
elisia-gialla-04

L’ elisia gialla  è un Mollusco Gasteropode Opistobranco appartenente all’ordine dei Sacoglossi.
L’immensa famiglia dei Molluschi comprende tipologie di esseri viventi le più disparate  che in comune comunque presentano 5 caratteristiche:
1) un capo ove hanno sede i ricettori sensoriali la bocca e una radula per raschiare
2) una regione viscerale ove si trovano il sistema di circolazione sanguigna, lo stomaco, i reni e gli apparati sessuali
3) un mantello che contorna la regione viscerale ove hanno sede le branchie (respirazione), l’ano, le aperture genitali
4) una conchiglia interna o esterna o qualche volta solo un residuo di conchiglia
5) un piede che a mo’ di ventosa permette la deambulazione.
Quella dei gasteropodi è la classe dei molluschi con il maggior numero di specie, parte munite di robusta conchiglia (unica a differenza dei bivalvi), parte con conchiglia estremamente ridotta o completamente assente.
Gli opistobranchi sono i gasteropodi con conchiglia ridotta al minimo e nella più parte delle specie assente,il cui nome deriva dal fatto che possiedono le branchie per la respirazione nella parte arretrata del corpo.
Il nome “sacoglossi” deriva dal fatto che le specie appartenenti a questo ordine, hanno bocca sprovvista di mandibola.
Essendo per lo più erbivori l’alimentazione avviene succhiando il contenuto delle cellule vegetali, stilettate dalla radula presente nella bocca.
Altra particolarità di molte specie di questo ordine consiste nella capacità di “mantenere” all’interno del corpo e a lungo, parti ancora in attività di fotosintesi di quanto assunto con la dieta vegetale, sicchè, attraverso la luce  vi è costanza di nutrimento da tempo incamerato (fitiofagia).
Troveremo spesso rappresentanti di alcune specie di sacoglossi in ambienti superficiali ricchi di alghe verdi in particolar modo quelle del genere caulerpa.
L’elisia gialla come tutti i sacoglossi si nutre di alghe che raschia con una apposita radula. Come sopra accennato, a nutrire l’elisia  non è soltanto la parte dell’alga da cui si trae nutrimento, ma interviene il fenomeno delle fotosintesi  nei cloroplasti delle alghe predate già inglobati  nella ghiandola digestiva. Esposti alla luce,  quando l’elisia si gode la luce ambiente in poca acqua, i cloroplasti delle alghe continuano la loro opera trasferendo ai tessuti dell’elisia i prodotti della fotosintesi.

 

CLASSIFICAZIONE Elysia flava
NOME COMUNE elisia gialla
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE  precoralligeno in genere
PROFONDITA’ PREVALENTE da 2  ai 30 metri
CARATTERISTICHE
CURIOSITA’  specie fitofoga
POSSIBILITA’ DI INCONTRO rara
NOTE

TABELLA SISTEMATICA  SACOGLOSSI

TABELLA SISTEMATICA  OPISTOBRANCHI

TABELLA SISTEMATICA  GASTEROPODI

TABELLA SISTEMATICA  MOLLUSCHI

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.