Assorbimento colori

Questo schema, peraltro puramente indicativo, ci dà il colpo d’occhio del fenomeno dell’assorbimento dei colori.
La scala ci mostra nella riga verticale le varie quote di profondità di una massa d’acqua. Tutti sappiamo che la luce bianca solare in realtà è composta da vari colori che spaziano dall’infrarosso all’ultravioletto. Man mano che un raggio di luce solare si insinua nella massa d’acqua, mentre scende in profondità viene filtrato e di volta in volta a quote diverse i suoi colori vengono trattenuti.

Tale fenomeno riveste particolare importanza nelle nostre immersioni, perchè ci impedisce di valorizzare a pieno il colore reale della vita sottomarina.

Va da sè che il subacqueo non si accontenta della funzione della luce solare nella determinazione dei colori da attribuire a quanto veduto. L’uso di una fonte luminosa in immersione riporta agli occhi dell’osservatore i colori che si sarebbero perduti a causa del filtraggio  della luce del sole, provocato dalla massa dell’acqua interposta tra la superficie ed il soggetto osservato. Il soggetto, i cui veri colori si materializzeranno ai nostri occhi,  sarà a portata di mano di una fonte luminosa alternativa portata sott’acqua.

Così,   potremo constatare che:
< il rosso acceso già sparisce a 7/8 metri,
< l’arancione a 15/16,
< il giallo a 25,
< il verde attorno ai 40
< il blù verso i 50,
< il viola verso i 60.

Il fenomeno non si manifesta egualmente in ogni massa d’acqua; varianti significative saranno, almeno per quanto ci riguarda:
> la posizione del sole rispetto allo zenit,
> la presenza di particelle in sospensione nel liquido.

Tale fenomeno riveste particolare importanza nelle nostre immersioni, perchè ci impedisce di valorizzare a pieno il colore reale della vita sottomarina.

Va da sè che il subacqueo non si accontenta della funzione della luce solare nella determinazione dei colori da attribuire a quanto veduto. L’uso di una fonte luminosa in immersione riporta agli occhi dell’osservatore i colori che si sarebbero perduti a causa del filtraggio  della luce del sole, provocato dalla massa dell’acqua interposta tra la superficie ed il soggetto osservato. Il soggetto, i cui veri colori si materializzeranno ai nostri occhi,  sarà a portata di mano di una fonte luminosa alternativa portata sott’acqua.

Biologiamarina.org è un progetto senza scopo di lucro curato da appassionati che sostengono costi di gestione e mantenimento, vuoi aiutarci con una donazione?
Clicca sul pulsante PAYPAL qui sotto

Vuoi aiutare il progetto biologiamarina.org?