Nov 192012
 
triglia-di-scoglio-02

La triglia da scoglio appartiene al philum dei Cordati, al subphilum dei Vertebrati, alla classe degli Osteitti all’ordine dei Perciformi,  ed alla famiglia  dei Mullidi.
Nel complesso troveremo per i pesci  che ci interesseranno due immense classi:
– pesci Condroitti
– pesci Osteitti
Alla classe dei pesci Osteitti appartengono tutti i pesci che possiedono uno scheletro osseo, una sola apertura branchiale per ciascun lato protetta da un opercolo e quasi sempre una coda con i due lati uguali.
Appartengono all’ ordine dei Perciformi svariate famiglie accomunate dalla presenza in tutte le specie di due pinne dorsali, la prima con raggi spinosi, la seconda molle. La rimanente parte del corpo è ricoperta da più scaglie a bordo seghettato (ctenoidi).
Il nome di perciformi , banalmente, si deve al fatto che tutti gli appartenenti a quest’ordine sono “fatti come il pesce persico” pesce peraltro di acqua dolce. Ci accorgeremo nelle nostre analisi che molte famiglie, al pesce persico non assomigliano affatto.
In mediterraneo la famiglia dei Mullidi annovera due sole specie comprendenti le comuni triglie. Entrambe le specie sono caratterizzate dalla presenza sotto il mento di barbigli tattili con i quali rimuovono in continuazione il sedimento del fondo alla ricerca di cibo. Non è raro osservare durante l’operazione di rimozione del sedimento, come compagni di merende “a sbaffo” , tordi, saraghi e donzelle.
La triglia di scoglio si differenzia dalla triglia da fango per la fronte meno ripida e per la pinna dorsale qui colorata. La triglia di scoglio sarà sicuramente compagna di tante nostre immersioni in basso e medio fondale. Potremo notarla rovistare freneticamente  nel substrato roteando con i due barbigli tattili alla ricerca di cibo (piccoli crostacei, piccoli molluschi o piccoli anellidi). Durante la sua opera di (fresatura) del substrato la vedremo accompagnata  da tordi, donzelle e saraghi, pronti ad approfittare della messa a nudo di tante piccole prede.

NOME SCIENTIFICO Mullus surmuletus
NOME COMUNE triglia da scoglio
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE fondali rocciosi
PROFONDITA’ PREVALENTE 1-400 metri
CARATTERISTICHE si differenzia dalla triglia da fango per la fronte meno ripida e per la pinna dorsale qui colorata
CURIOSITA’ nel periodo degli amori la colorazione della livrea dei maschi si tinge di rosso
POSSIBILITA’ DI INCONTRO normali
NOTE

TABELLA SISTEMATICA  PESCI

 

Clicca sulle immagini per ingrandirle

(adriatico riminese piramidi di miramare)

(adriatico riminese 4 scogliere di costa)

  

  

  

  

  

  

adriatico riminese (piramidi di miramare)

  

  

 

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.