Ago 282012
 
scorfanotto-16

Lo scorfanotto appartiene al philum dei Cordati, al subphilum dei Vertebrati, alla classe degli Osteitti all’ordine dei all’ordine degli Scorpeniformi e alla famiglia dei Scorpenidi.
Gli scorpeniformi sono pesci essenzialmente bentonici dal corpo robusto dal grande capo, generalmente muniti di spine dorsali ed opercolari più o meno velenose. Da questa caratteristica deriva il nome che sta a significare “a forma di scorpione”.
Il movimento sul fondo avviene se lento, con appoggio e spinta delle pinne sul substrato, se veloce, con balzi prodotti dalla movimenti rapidi della coda. Il subacqueo deve considerare l’incontro con la più parte degli scorpeniformi, potenzialmente pericoloso, non tanto per la loro aggressività in effetti nulla, quanto per la possibilità di appoggiare parti del corpo direttamente sull’animale che per sua indole mimetica, può restare immobile fino ad essere toccato, perchè non visto.
Una prima suddivisione trova:
– scorpenidi
– triglidi
– dactilopteridi
Gli Scorpenidi sono pesci muniti di spine dorsali e opercoli capaci di iniettare un potente veleno, non mortale ma estremamente doloroso. Il dolore acuto in immersione può indurre problemi notevoli. L’animale resta immobile, camuffato nell’ambiente, non per difesa ma per caccia; il nuoto, negativo, è a piccoli balzi, scattanti e fulminei, la preda viene letteralmente risucchiata dall’apertura fulminea della grande bocca. Il camuffamento per la caccia è agevolato da un marcato mimetismo cromatico e dalla presenza nel rivestimeno cutaneo di escrescenze, verruche e barbigli.
Lo scorfanotto è uno scorpenide con testa massiccia e piuttosto rotonda, corpo “magro” e “asciutto” (per quanto paradossale ! ! !).La colorazione predominante è quella del rosso, ma sicuramente riusciremo a distinguerlo dallo scorfano rosso per la mancanza di appendici cutanee sotto la mascella inferiore e dallo scorfano di madeira per la mancanza della banda scura nel peduncolo caudale, e delle due escrescenze cutanee sotto la mascella inferiore.

NOME SCIENTIFICO Scorpaena notata
NOME COMUNE scorfanotto
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE fondali rocciosi misti ad alghe
PROFONDITA’ PREVALENTE 1-100 metri
CARATTERISTICHE Testa massiccia e piuttosto rotonda, corpo “magro” e “asciutto” (per quanto paradossale ! ! !), spine degli opercoli e dorsale collegate a ghiandole velenifere, si differenzia dagli “zii” rosso e nero, per i lembi di pelle sopra l’occhio, non a paletta, corti o assenti
CURIOSITA’  altissimo mimetismo cromatico e strutturale,
alcune volte con colorazione  rosa o gialla
POSSIBILITA’ DI INCONTRO normali, facilissimo da avvicinare . . Fin Troppo ! ! attenzione a non appoggiarvisi
NOTE

TABELLA SISTEMATICA  PESCI

 

Clicca sulle immagini per ingrandirle

(adriatico riminese 2 paguro)

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.