Ago 232012
 
sarago-fasciato-07

Il sarago fasciato   appartiene al philum dei Cordati, al subphilum dei Vertebrati, alla classe degli Osteitti all’ordine dei Perciformi,  ed alla famiglia  dei Sparidi.
Nel complesso troveremo per i pesci  che ci interesseranno due immense classi:
– pesci Condroitti
– pesci Osteitti
Alla classe dei pesci Osteitti appartengono tutti i pesci che possiedono uno scheletro osseo, una sola apertura branchiale per ciascun lato protetta da un opercolo e quasi sempre una coda con i due lati uguali.
Appartengono all’ ordine dei Perciformi svariate famiglie accomunate dalla presenza in tutte le specie di due pinne dorsali, la prima con raggi spinosi, la seconda molle. La rimanente parte del corpo è ricoperta da più scaglie a bordo seghettato (ctenoidi).
Il nome di perciformi , banalmente, si deve al fatto che tutti gli appartenenti a quest’ordine sono “fatti come il pesce persico” pesce peraltro di acqua dolce. Ci accorgeremo nelle nostre analisi che molte famiglie, al pesce persico non assomigliano affatto.
Gli Sparidi sono una famiglia comunissima nel mediterraneo, per lo più di comportamento gregario. Possiedono una unica pinna dorsale munita di raggi spinosi. La bocca è piccola, posizionata verso il basso del capo ed è dotata di robusta dentatura con evidenti incisivi e meno evidenti canini e molari.
Nelle nostre immersioni non ci mancherà di notare  nutriti sciami di saraghi fasciati  immobili posti a mezz’acqua. Il sarago fasciato è dunque pesce gregario in banchi  o sciami che solo se importunato abbandona lo sciame per trovare riparo  nelle fenditure del substrato. E’ pesce con dieta onnivora e altrettanto spesso potremo osservare il sarago fasciato  mentre “sgrufola” sul fondale  in compagnia di triglie e donzelle, oppure mentre si “mescola” con salpe, corvine o cefali per condividere quanto fa parte della loro dieta.

NOME SCIENTIFICO Diplodus vulgaris
NOME COMUNE sarago fasciato
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE fondali rocciosi misti a sabbia o praterie di
posidonie
PROFONDITA’ PREVALENTE 1-50 metri
CARATTERISTICHE nelle pause del pascolo, ama restare
immobile anche in corrente, in sciami
folti a mezz’acqua
CURIOSITA’
POSSIBILITA’ DI INCONTRO normali. Rer quanto diffidente, segue
lo sciame, (sia al pascolo che
nell’immobilità a mezz’acqua),
nella sua “apertura” e “chiusura”
per permettere il passaggio dei
subacquei visitatori mantenendo
comunque una distanza di alcuni metri
NOTE

TABELLA SISTEMATICA  PESCI

 

Clicca sulle immagini per ingrandirle

(adriatico riminese 2 paguro)

 

  

  

  

  

  

  
  

  

  

  

  

 

  

 

  

 

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.