Ago 222012
 
Adriatico Riminese 4

La passera pianuzza  appartiene all’ordine dei Pleuronectiformi ed alla famiglia degli Scoftalmidi.
I Pleuronectiformi comprendono specie di pesci essenzialmente bentonici  che presentano un corpo piatto ed asimmetrico con entrambi gli occhi dalla stessa parte (superiore) e con lato inferiore (destro o sinistro) sempre rivolto al fondale. Il nome deriva dal greco che possiamo tradurre in “nuotatori su un unico lato”.
La passera pianuzza è un pesce piatto appoggiato sul lato sinistro del corpo ( lato cieco o bianco) ed è quindi un pesce destrorso, avendo entrambi gli occhi sul lato destro (lato macchiettato).  Va ricordato comunque che a volte si osservano passere pianuzze che hanno sbagliato il fianco su cui appoggiarsi. La passera è rapidissima nella fuga tanto  quanto nell’ insabbiarsi pochi metri più in là. Inoltre altra caratteristica della passera è quella di sopportare condizioni, anche durature, di scarsa salinità, anzi può risalire le foci dei fiumi fino a raggiungere acque dolci.

NOME SCIENTIFICO Platichthys flesus
NOME COMUNE passera pianuzza, platessa
NOMI LOCALI passera di mare
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE territori sabbiosi e fanfosi, lagune, foci dei fiumi
PROFONDITA’ PREVALENTE 5-100 metri
CARATTERISTICHE
CURIOSITA’
POSSIBILITA’ DI INCONTRO normali
NOTE

TABELLA SISTEMATICA  PESCI

 

Clicca sulle immagini per ingrandirle

 

(adriatico riminese 4 scogliere di costa)

  

adriatico riminese (scogliere di rimini)—————————-adriatico riminese (piramidi di miramare)

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.