Ago 112012
 
oloturia-di-poli-03

L’oloturia di poli  appartiene al philum degli Echinodermi e alla classe degli Oloturioidei .
Gli Echinodermi sono organismi bentonici caratterizzati dalla presenza di uno “scheletro” calcareo  formato da piastre , saldate o articolate, posto sotto l’epidermide detto dermascheletro, spesso rivestito di tubercoli o spine presenza che dà il nome al philum. Altra caratteristica di tutti gli organismi del philum è la cosiddetta simmetria pentamerale; il corpo è cioè suddiviso in cinque  settori disposti attorno ad un asse centrale. Ed è forse questa la caratteristica che ha  indotto gli studiosi  a comprendere nello stesso philum organismi dall’aspetto tanto diverso. Troviamo in questo philum cinque classi:
– crinoidei
– oloturioidei
– ofiuroidei
– asteroidei
– echinoidei
Gli oloturioidei raccolgono le varie specie di  oloturie, meglio conosciute col nome di cetrioli di mare o con altri nomi che ben si addicono alla loro forma. Il corpo, cilindrico è allungato ed ai poli trovano posto bocca  (munita di più o meno lunghi tentacoli) ed ano. Le placche calcaree  del dermascheletro, scleriti, sono piccolissime e non saldate tra di loro. La locomozione avviene tramite la contrazione ed il rilassamento della muscolatura e laddove esistono, i pedicelli servono per ancorarsi al substrato o per sopperire alla funzione sensoriale. L’alimentazione avviene mediante cernita di sostanze utili dal detrito inglobato e poi espulso sotto forma di (collane di sabbia).
L’oloturia di poli è l’oloturia tipica del coralligeno ma è presente anche nelle distese sabbiose.

NOME SCIENTIFICO Holothuria polii
NOME COMUNE cetriolo di poli
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE coralligeno e distese sabbiose
PROFONDITA’ PREVALENTE 3-50 metri
CARATTERISTICHE
CURIOSITA’
POSSIBILITA’ DI INCONTRO normali
NOTE

TABELLA SISTEMATICA ECHINODERMI

 

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.