Mar 252013
 
adriatico riminese 04 (probabile)

Il ghiozzetto pittato  appartiene al philum dei Cordati, al subphilum dei Vertebrati, alla classe degli Osteitti all’ordine dei Perciformi,  ed alla famiglia  dei Gobidi.
Nel complesso troveremo per i pesci  che ci interesseranno due immense classi:
– pesci Condroitti
– pesci Osteitti
Alla classe dei pesci Osteitti appartengono tutti i pesci che possiedono uno scheletro osseo, una sola apertura branchiale per ciascun lato protetta da un opercolo e quasi sempre una coda con i due lati uguali.
Appartengono all’ ordine dei perciformi svariate famiglie accomunate dalla presenza in tutte le specie di due pinne dorsali, la prima con raggi spinosi, la seconda molle. La rimanente parte del corpo è ricoperta da più scaglie a bordo seghettato (ctenoidi).
Il nome, banalmente, si deve al fatto che tutti gli appartenenti a quest’ordine sono “fatti come il pesce persico” pesce peraltro di acqua dolce. Ci accorgeremo nelle nostre analisi che molte famiglie, al pesce persico non assomigliano affatto.
I Gobidi (che tutti conosciamo come ghiozzi) sono pesci con corpo pressoché cilindrico con capo grosso e tozzo munito di grande bocca e grandi occhi sporgenti. Nei gobidi è tipica la pinna pelvica che forma una specie di ventosa imbutiforme sulla quale “poggiano” da fermi . Il movimento dei gobidi sul fondale è a scatti brevi e non vi è mai un nuoto prolungato. Sotto il profilo anatomico i gobidi non possiedono la linea laterale, il loro sistema sensoriale è posizionato sul capo. Di norma i gobidi sono animali solitari e solo nel periodo degli amori (primavera inoltrata) tendono ad unirsi in gruppi numerosi, intrecciando danze nuziali. La più parte delle specie ama fondali sabbiosi o comunque sedimentari. La dieta è onnivora.
Anche nella famiglia dei gobidi il maschio si assume l’onere della costruzione del nido, della cura e della ossigenazione delle uova. E anche nella famiglia dei gobidi non vi sono cure parentali della prole nata, vagando la moltitudine degli avannotti nella acque libere tra il plancton. La più parte delle specie è di indole curiosa e si lascia avvicinare con facilità, tenendo comunque sempre d’occhio il piccolo buco o il piccolo anfratto che nelle vicinanze può dargli adeguato riparo.
Il ghiozzetto pittato è un gobide di piccole dimensioni non superiori a 5 centimetri amante di fondali sabbiosi esclusivamente costieri

NOME SCIENTIFICO Pomatoschistus pictus adriaticus
NOME COMUNE ghiozzetto pittato
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE substrati sabbiosi litoreli
PROFONDITA’ PREVALENTE dalla superficie ai 10 metri
CARATTERISTICHE
CURIOSITA’
POSSIBILITA’ DI INCONTRO normali
NOTE

 

TABELLA SISTEMATICA  PESCI

Clicca sulle immagini per ingrandirle

adriatico riminese (scogliere di rimini)

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.