Meduse – classificazione

 

Le meduse fanno sicuramente parte di tantissimi ricordi della nostra infanzia; la loro forma a ombrellino è conosciutissima e anche nel mondo degli osservatori subacquei, un semplice colpo d’occhio basta a catalogarla. La tassonomia ci complica però la vita, attribuendo alle meduse l’appartenenza al philum dei cnidari, ma annoverando in classi diverse idrozoi o scifozoi, specie che all’osservazione ci autorizzano a classificare come meduse meduse. Come vedremo, annoverando le varie specie, già esiste per molte di loro la trasformazione, nella crescita, da polipi di idroidi a meduse, ma la classificazione di queste specie è riservata alla classe degli idrozoi. Ma meduse sono pure quelle raccolte nella classe degli scifozoi. La classificazione si basa sulle modalità della riproduzione di quella specie. Le modalità sono tre:
– per via sessuale
– per gemmazione
– per strobilazione
Nel primo caso (via sessuale) dalla fecondazione dell’uovo della medusa femmina da parte della medusa maschio, nasce dopo pochi passaggi una già formata piccola medusa.
Nel secondo caso (gemmazione) della colonia di un idrozoo si stacca una gemma matura di polipo che dopo alcuni passaggi diventerà medusa maschio o medusa femmina. Dalla fecondazione dell’uovo della medusa femmina da parte della medusa maschio si genererò una planula che, fissata al substrato, diventerà un polipo  e formerà una colonia di idrozoi, dalla quale una gemma riprenderà il ciclo.
Nel terzo caso ( strobilazione) dalla fecondazione dell’uovo di una medusa femmina da parte di una medusa maschio, si genererà una planula che si fisserà al substrato diventerà un polipo (scifistoma) che maturando crea uno strobilo (come una pila di piatti eguali –efire-). Le efire si staccheranno una ad una abbandonando lo strobilo e diventando con pochi passaggi tante meduse maschio o femmina.
Solo le specie di meduse che adottano la seconda modalità, faranno parte della classe degli idrozoi (idroidi medusoidi).
Tutte le altre specie appartengono alla classe degli scifozoi.

Condividi questo argomento