Ago 112012
 

Il cinto di venere appartiene appunto al philum degli Ctenofori che raggruppa organismi trasparenti e gelatinosi, tipicamente pelagici, il cui corpo è percorso da costole lungo le quali notiamo una serie di ciglia vibranti. Le ciglia sono disposte a pettine e da qui deriva il nome che equivale a “portatori di pettini”. Nei tentacoli o nei piccoli pettini, le cellule non sono urticanti ma adesive, e sono appunto queste cellule adesive dette “colloblasti” a catturare lo zooplancton di cui questi organismi si nutrono.
I piccoli pettini di cui sopra sono inoltre in grado di produrre particolari iridescenze.
Il loro corpo, alla pari delle meduse, è fatto quasi interamente di acqua. Alla pari dei celenterati gli organi della digestione sono contenuti in una grande cavità interna e la bocca è collocata all’estremità del corpo. Gli individui sono tutti ermafroditi con simultanea produzione di uova e spermi.
Suddivideremo il philum degli ctenofori in due classi:
tentacolari
nudi
a seconda della presenza o meno di tentacoli.ctenoforo di acque libere.
Il cinto di venere raggiunge a mo’ di cintura o di nastro trasparente lunghezze che sfiorano i 2 metri.

CLASSIFICAZIONE Cestus veneris
NOME COMUNE cinto di venere
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE acque superficiali
PROFONDITA’ PREVALENTE
CARATTERISTICHE
CURIOSITA’
POSSIBILITA’ DI INCONTRO normali
NOTE

 

 

 

 

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.