Mare Adriatico

La costa romagnola del nostro mare adriatico, ha goduto, negli anni, di fama alterna, su duplice binario: qualità delle acque da un lato, divertimentificio dall’altro. Ci interessa qui smontare il luogo comune del nostro mare quale bacino, anzi bacinella, di raccolta delle acque dei grandi fiumi del nord, Po in testa. Vero è che questo nostro bacino raccoglie le acque dolci dei fiumi in maniera preponderante rispetto ai rimanenti bacini del mediterraneo. Vero è che le acque dolci dei fiumi trasportano sospensioni inorganiche, organiche, chimiche che incidono notevolmente sulla qualità delle acque del nostro litorale e soprattutto nella biologia e nella ecologia dei nostri fondali. Ma altrettanto vero è che il nostro mare adriatico continua pervicacemente a vivere, non solo a sopravvivere. Laddove vi sia stata la possibilità, per volontà o per fatalità, di creare aree che impediscano la pesca a strascico, pesca predominante nel nostro territorio, sono nate oasi di concentrazione della biodiversità che fungono da innesto di una più razionale e naturale catena alimentare e nel contempo da nursery per specie un tempo qui sconosciute.
E’ appunto a queste oasi che rivolgiamo la nostra attenzione di subacquei, valorizzandole sia sotto il profilo della ricerca scientifica, che sotto l’aspetto naturalistico legato anche all’attività economica di quel turismo confuso con semplice divertimentificio. Il nostro intento, e speriamo che questo nostro lavoro ne sia un valido supporto, vuole essere quello della promozione di una grande area protetta nel mare antistante le coste riminesi, capace salvaguardare quanto dimostreremo vada salvaguardato. Rimini quindi non solo balera e piadina, ma anche mare vivo da mostrare e da salvaguardare; noi ci sforziamo di mostrarlo certi che servirà a salvaguardarlo.

Ago 022016
 
Placida verde

La placida verde è un Mollusco Gasteropode Opistobranco appartenente all’ordine dei Sacoglossi e alla famiglia degli Ermaeidi L’immensa famiglia dei Molluschi comprende tipologie di esseri viventi le più disparate  che in comune comunque presentano 5 caratteristiche: 1) un capo ove hanno sede i ricettori sensoriali la bocca e una radula per raschiare 2) una regione viscerale ove si […]

Ago 012016
 
Platelminta eurilepta

  Il platelminta eurilepta è un verme che appartiene al philum dei Platelminti ed alla classe dei Turbellari. Il termine Vermi è generico ed usato in questa nostra analisi quale catalogo di comodo per indicare una grande varietà di organismi che si presentano simili con un corpo allungato e flessibile. Come si evince dal nome, i Platelminti sono vermi a struttura appiattita, con […]

Lug 152016
 
Tordisa filamentosa

La tordisa filamentosa è un Mollusco Gasteropode Opistobranco appartenente all’ordine dei Nudibranchi , al sottordine dei Doridini. L’immensa famiglia dei Molluschi comprende tipologie di esseri viventi le più disparate che in comune comunque presentano 5 caratteristiche: 1) un capo ove hanno sede i ricettori sensoriali la bocca e una radula per raschiare 2) una regione viscerale ove si trovano il sistema di circolazione […]

Lug 042016
 
Carcinus aestuarii, Granchio comune

Il granchio comune è un artropode del subphilum dei crostacei, della classe dei malacostraci, dell’ ordine dei decapodi, del sottordine dei reptanti brachiuri e all’ infraordine dei granchi. Artropodi significa “possedere zampe articolate” e il philum degli artropodi è il più vasto del regno animale in generale e sottomarino. Il corpo è segmentato con tre regioni: capo, torace e addome tutte e tre (salvo rari casi: paguri) […]

Lug 072015
 
Ctenoforo sp.

Lo ctenoforo sp.  qui rappresentato appartiene appunto al philum degli Ctenofori che raggruppa organismi trasparenti e gelatinosi, tipicamente pelagici, il cui corpo è percorso da costole lungo le quali notiamo una serie di ciglia vibranti. Le ciglia sono disposte a pettine e da qui deriva il nome che equivale a “portatori di pettini”. Nei tentacoli o nei […]

Lug 032015
 
Serpula sp. 3

  La serpula qui rappresentata è un   Verme che appartiene al philum degli Anellidi, ed alla classe dei Policheti Sedentari e  all’ordine dei Serpulidi. Il termine Vermi è generico ed usato in questa nostra analisi quale catalogo di comodo per indicare una grande varietà di organismi che si presentano simili con un corpo allungato e flessibile. Suddivideremo le poche specie di vermi da […]

Lug 032015
 
Granchio compasso

Il granchio compasso è un artropode del subphilum dei crostacei, della classe dei malacostraci, dell’ ordine dei decapodi, del sottordine dei reptanti brachiuri e all’ infraordine dei granchi. Artropodi significa “possedere zampe articolate” e il philum degli artropodi è il più vasto del regno animale in generale e sottomarino. Il corpo è segmentato con tre regioni: capo, torace e addome tutte e tre (salvo rari casi: paguri) […]

Lug 032015
 
Doto acuta

Il doto acuta è un Mollusco Gasteropode Opistobranco appartenente all’ordine dei Nudibranchi , al sottordine dei Dendronotini. L’immensa famiglia dei Molluschi comprende tipologie di esseri viventi le più disparate che in comune comunque presentano 5 caratteristiche: 1) un capo ove hanno sede i ricettori sensoriali la bocca e una radula per raschiare 2) una regione viscerale ove si trovano il sistema di circolazione […]

Lug 032015
 
Serpula opercolo a coppa

La serpula opercolo a coppa appartiene al philum degli Anellidi, ed alla classe dei Policheti Sedentari e  all’ordine dei Serpulidi. Il termine Vermi è generico ed usato in questa nostra analisi quale catalogo di comodo per indicare una grande varietà di organismi che si presentano simili con un corpo allungato e flessibile. Suddivideremo le poche specie di vermi da noi subacquei conosciute in cinque […]