Lug 252012
 
Adriatico Riminese

La caprella  è un artropode, appartenente al subphilum dei crostacei, alla classe dei malacostraci, alla sottoclasse degli eumalcostraci, all’ordine degli anfipodi ed alla famiglia dei caprellidi.
Artropodi significa “possedere zampe articolate” e il philum degli artropodi è il più vasto del regno animale
in generale e sottomarino.
Il corpo è segmentato con tre regioni: capo, torace e addome tutte e tre (salvo rari casi: paguri) rivestite
da un esoscheletro duro a protezione. Nella crescita, l’animale perde la vecchia corazza e ne acquista una nuova con l’indurimento della cuticola sottostante la vecchia.
crostacei sono un subphilum   degli artropodi. Nel  crostacei esistono varie classi ma tra le tante prenderemo in esame:
-quella dei malacostraci ed in particolare le specie appartenenti alla sottoclasse degli eumalacostraci.
Quella dei malacostraci è la classe più evoluta dei crostacei e si divide in tre sottoclassi.
-fillocaridi
-oplocaridi
eumalcostraci
Alla terza appartengono quasi tutti i  crostacei che qui trattiamo.
all’ ordine degli anfipodi  appartengono quei  piccoli crostacei dei quali ci accorgiamo a fine immersione, perchè il più delle volte,
li troviamo attaccati alle fibre della muta, quando, durante l’immersione sfioriamo cime o superfici da questi frequentate.
A differenza degli isopodi il corpo degli anfipodi è schiacciato lateralmente.
Alla famiglia dei caprellidi appartengono molte specie che si presentano con un  corpo verticale diritto, con pseudochele  terminati con forti chele, I caprellidi sono abitanti tipici del cosiddetto “fouling” ben adattandosi a fondali detritici o a banchi di bivalvi.
La caprella vive su distese algali o substrati duri in acque poco profonde.

NOME SCIENTIFICO Caprella acanthifera
NOME COMUNE caprella
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE intero mediterraneo
TERRITORIO ABITUALE distese algali o substrati duri in acque poco
profonde
PROFONDITA’ PREVALENTE 1-10 metri
CARATTERISTICHE
CURIOSITA’
POSSIBILITA’ DI INCONTRO difficili per la piccola taglia, facilmente
rinvenibili però sulla muta a fine immersione
NOTE

TABELLA SISTEMATICA CROSTACEI

Clicca sull’immagine per ingrandirla

adriatico riminese piramidi di miramare

Condividi questo argomento

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>