Ago 102012
 
bertellina-di-edwards-009

La bertellina di edwuards  è un Mollusco Gasteropode Opistobranco appartenente all’ordine dei Notaspidei.
L’immensa famiglia dei Molluschi comprende tipologie di esseri viventi le più disparate che in comune comunque presentano 5 caratteristiche:
1) un capo ove hanno sede i ricettori sensoriali la bocca e una radula per raschiare
2) una regione viscerale ove si trovano il sistema di circolazione sanguigna, lo stomaco, i reni e gli apparati sessuali
3) un mantello che contorna la regione viscerale ove hanno sede le branchie (respirazione), l’ano, le aperture genitali
4) una conchiglia interna o esterna o qualche volta solo un residuo di conchiglia
5) un piede che a mo’ di ventosa permette la deambulazione.
Quella dei gasteropodi è la classe dei molluschi con il maggior numero di specie, parte munite di robusta conchiglia (unica a differenza dei bivalvi), parte con conchiglia estremamente ridotta o completamente assente.
Gli opistobranchi sono i gasteropodi con conchiglia ridotta al minimo e nella più parte delle specie assente, il cui nome deriva dal fatto che possiedono le branchie per la respirazione nella parte arretrata del corpo.
L’ordine dei notaspidei, altrimenti conosciuto come pleurobrancomorfi, è formato da specie con corpo per lo più massiccio,
con “cappellino” di residuo di conchiglia ben visibile.
La respirazione avviene attraverso una branchia bipennata in alcune specie ben visibile.
Le specie  di notaspidei appartenenti al genere bertellina, hanno il corpo  decisamente più piccolo della cugina bertella gialla, dalla quale differiscono per la grandezza della conchiglia interna rapportata all’intero corpo. All’  osservatore subacqueo diventa quindi difficile una precisa identificazione basandosi soltanto sulla mole del corpo, piccola anche negli stadi giovanili della bertella gialla.

NOME SCIENTIFICO Berthellina edwardsi
NOME COMUNE bertellina di edwards
NOMI LOCALI
UBICAZIONE PREVALENTE mediterraneo occidentale
TERRITORIO ABITUALE substrati rocciosi disomogenei e pietrame
PROFONDITA’ PREVALENTE 3-30 metri
CARATTERISTICHE
CURIOSITA’
POSSIBILITA’ DI INCONTRO normale nel pietrame
NOTE

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Condividi questo argomento

Sorry, the comment form is closed at this time.